Mostri graziosi e belli. I nani di corte nella storia e nell’arte

25,00

Descrizione

Per millenni, nelle corti dei potenti di pressoché ogni Paese, i buffoni furono presenti in quantità straripanti, e molti di essi erano nani. Per esercitare il difficile mestiere di far ridere gli altri, erano spesso usate persone ‒ uomini, donne e perfino bambini ‒ con gravi deficienze fisiche o mentali: nani, gobbi, dementi, esseri esageratamente obesi o dotati, secondo i crudeli contemporanei, di corpi deformi e sgradevoli. La bruttezza e la follia servivano a tranquillizzare i potenti che si sentivano così autorizzati a pensare che, se questi ospiti di corte, brutti o pazzi, erano diversi da loro, allora loro non erano tali. Anzi, averli al fianco, ne faceva risaltare le virtù di bellezza e saggezza. Il re non può mai essere pazzo e se la follia bussa alla porta della reggia, è il buffone a farsene carico.

L’autore
Calabrese trapiantato da tempo immemorabile in Lombardia, Tito Saffioti ha sempre lavorato in ambito librario e giornalistico. Ha collaborato per 33 anni con il quotidiano la Repubblica e con varie testate, fra le quali Linus, Dove, L’Esopo , Playboy, Folk Bulletin, La Provincia di Como, Il Calendario del popolo, Ludica, Alumina . Ha organizzato e preso parte a numerose trasmissioni radiofoniche e televisive e tenuto cicli di conferenze sulla storia del jazz, sulla cultura popolare e (talvolta in compagnia di Dario Fo) sui giullari medievali. Nel 2011 ha tenuto un master su giullari e buffoni di corte all’Università Federico II di Napoli e nel 2013 ha curato una mostra dedicata a queste figure presso la Sala Teresiana della Biblioteca Nazionale Braidense di Milano. Ha pubblicato diciassette libri. E questo è il diciottesimo.

ISBN 979-1280232-39-7

Informazioni aggiuntive

Peso 0.480 kg
Anno di pubblicazione

2021

Pagine

250

Tipo

Cartaceo

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.